Seleziona una pagina

Dal diario di un bimbo di 2 anni:

Oggi mi sono svegliato e volevo vestirmi da solo, ma mi hanno detto “No, non abbiamo tempo, lascia fare a me”.

Questo mi ha reso triste.

Volevo nutrirmi per colazione ma mi è stato detto
“No, sei troppo disordinato, lascia che lo faccia per te.”

Questo mi ha fatto sentire frustrato.

Volevo andare in macchina e entrare da solo, ma mi è stato detto: “No, dobbiamo andare, non abbiamo tempo. Lascia che faccia io.”

Questo mi ha fatto piangere.

Volevo uscire dalla macchina da solo ma mi hanno detto “No, non abbiamo tempo, lasciami fare”.

Questo mi ha fatto desiderare di scappare.

In seguito volevo giocare con i blocchi ma mi è stato detto “no, non così, come questo …”

Ho deciso che non volevo più giocare con i blocchi. Volevo giocare con una bambola che aveva qualcun altro, quindi l’ho presa. Mi è stato detto “No, non farlo! Devi condividere. ”

Non sono sicuro di quello che ho fatto, ma mi ha reso triste. Quindi ho pianto. Volevo un abbraccio ma mi hanno detto “No, stai bene, vai a giocare”.

Mi è stato detto che è ora di raccogliere. Lo so perché qualcuno continua a dire “Vai a prendere i tuoi giocattoli”.

Non sono sicuro di cosa fare, aspetto che qualcuno mi mostri.

“Cosa fai? Perché stai solo lì? Raccogli i tuoi giocattoli, adesso! ”

Non mi è stato permesso di vestirmi o spostare il mio corpo per arrivare dove dovevo andare, ma ora mi viene chiesto di raccogliere le cose.

Non sono sicuro di cosa fare. Qualcuno dovrebbe mostrarmi come farlo? Da dove comincio? Dove vanno queste cose? Sto ascoltando molte parole ma non capisco cosa mi viene chiesto. Sono spaventato e non mi muovo.

Mi distendo sul pavimento e piango.

Quando è stato il momento di mangiare volevo prendere il mio cibo ma mi hanno detto “no, sei troppo piccolo. Lascia fare a me.”

Questo mi ha fatto sentire piccolo. Ho provato a mangiare il cibo di fronte a me ma non l’ho messo in bocca e qualcuno continua a dire “Ecco, prova questo, mangia questo …” mettendomi le cose in faccia.

Non volevo più mangiare. Questo mi ha fatto desiderare di buttare cose e piangere.

Non posso scendere dal tavolo perché nessuno mi lascerà … perché sono troppo piccola e non posso. Continuano a dire che devo prendere un boccone. Questo mi fa piangere di più. Sono affamato, frustrato e triste. Sono stanco e ho bisogno di qualcuno che mi tenga. Non mi sento al sicuro, perdo il controllo. Questo mi fa paura. Piango ancora di più.

Io ho 2 anni. Nessuno mi lascerà vestire da solo, nessuno mi lascerà spostare il mio corpo dove deve andare, nessuno mi permetterà di occuparmi dei miei bisogni.

Tuttavia, ci si aspetta che sappia come condividere, “ascoltare” o “aspettare un minuto”. Ci si aspetta che sappia cosa dire e come agire o gestire le mie emozioni. Ci si aspetta che mi sieda ancora o sappia che se lancio qualcosa potrebbe rompersi …. Ma io NON conosco queste cose.

Non mi è permesso praticare la mia capacità di camminare, spingere, tirare, abbottonarsi, versare, servire, arrampicarsi, correre, lanciare o fare cose che so di poter fare. Cose che mi interessano e mi incuriosiscono, queste sono le cose che NON sono autorizzato a fare.

Ho 2 anni. Non sono terribile … Sono frustrato. Sono nervoso, stressato, sopraffatto e confuso. Ho bisogno di un abbraccio.

-Autore sconosciuto

5/5 (1)

Vota questo articolo!